Cambiamento. 5 Passaggi per intraprenderlo4 min di lettura

Per innescare un cambiamento di qualcosa ben radicato in noi c’è bisogno di un grande salto di maturità. Tuttavia esistono dei passaggi che ognuno di noi deve fare per poter raggiungere il cambiamento desiderato tanto più se parliamo di un nostro atteggiamento ben radicato.

 

>> Guarda questo sul cambiamento e lasciati ispirare, poi torna a leggere 😉

 

 

La storia ha diverse interpretazioni. C’è chi sostiene che la causa del cambiamento è data:

  • dal viaggio, e dal valore aggiunto che assumono le cose quando ci distanziamo da esse (possedimenti o relazioni interpersonali);
  • dalle aspettative capaci di innescare un atteggiamento propositivo verso il cambiamento.

Personalmente sono convinto che il cambiamento di atteggiamento sia la spiegazione fondamentale. Il tipo di atteggiamento che assumiamo verso le cose, influenza in maniera determinante l’esperienza e il significato che facciamo di esse.

Dunque un cambiamento racchiude diversi elementi:

  • emotivi
  • cognitivi
  • comportamentali.

Per questo modificarlo non è sempre cosa facile. 

Un’attitudine rappresenta non solo un comportamento, bensì un nostro pensiero e sentimento rispetto a qualcuno o a qualcosa. La loro funzione è di predisporci e guidarci all’interazione con il mondo.

Perciò, non basta sapere che il nostro atteggiamento è negativo, bensì abbiamo bisogno di una vera necessità di cambiamento e sapere cosa è utile modificare.

 

Come cambiare il nostro atteggiamento

Di seguito ci sono alcune domande che ti aiuteranno a focalizzare ciò che per te è opportuno modificare:

 

1. Cos’è opportuno cambiare?

Non si può parlare di atteggiamenti al plurale. Dire che cambieremo il nostro atteggiamento è indicativo del fatto che non siamo seriamente focalizzati sull’obiettivo da raggiungere. Prendiamo come esempio l’idea di volere essere persone più flessibili… Ok! Ma flessibili in relazione a cosa? Essere preciso e circoscritto sull’atteggiamento che vuoi modificare ti renderà esponenzialmente più efficace nel farlo.

 

2. Su quali oggetti o persone si focalizza il vostro atteggiamento negativo?

Come dire, vi sentite inflessibili in merito a culture diverse dalla vostra? Forse siete inflessibili di fronte agli errori del vostro figlio/a o delle persone che vi stanno attorno?…Insomma, quello che intendo dire è che la rigidità non si manifesta a vuoto ma di fronte a qualcosa o qualcuno per i quali si è coinvolti.

Perciò è di vitale importanza determinare quale sia l’oggetto o la persona che origina questa attitudine per la quale proviamo la sensazione spiacevole che vuoi cambiare. Individuare i l’obiettivo è sempre il primo passo per ottenere il cambiamento.

 

cambiamento_corrieredellapsicologia

 

 3. Quali ragioni o argomenti sostengono il vostro atteggiamento?

Questo indica che dovremo fare un piccolo salto indietro nel passato. L’atteggiamento che ci preme modificare, nel caso dell’esempio l’essere inflessibili, è un derivato della nostra storia e proviene da qualche esperienza personale vissuta con qualcuno di importante vicino a noi.

Scoprite in quale momento/i si è consolidata questa attitudine. Potresti ricordare ad esempio che tua madre si sia sempre mostrata poco affettuosa ma molto attenta all’osservanza delle regole domestiche.

Tentate di rivivere il momento nel passato quando questo atteggiamento non esisteva.

 

4. Sono razionali gli argomenti che sostengono il vostro atteggiamento?

Una volta che abbiamo identificato i fatti che hanno originato questa nostra inflessibilità, possiamo chiederci se realmente le nostre conclusioni passate abbiano senso ancora oggi o se sono semplicemente il prodotto di una generalizzazione inadeguata, che non può venire applicata a tutte le situazioni o persone che incontriamo.

Probabilmente scopriremo che queste credenze sono piuttosto degli stereotipi senza nessun fondamento logico o generalizzabile. Per esempio, una volta ci siamo scontrati duramente con una persona di un’etnia diversa dalla nostra e a partire da quel momento assumiamo che tutti i rappresentanti di questo gruppo etnico siano uguali e così assumiamo un’atteggiamento distante, profondamente critico verso questo gruppo.

 

5. Come vi sentite quando esprimete questo atteggiamento negativo?

Se desiderate cambiare atteggiamento è probabilmente perchè questa forma di affrontare le situazioni vi sta causando difficoltà nelle quali non vi sentite a vostro agio.

 

cambiamento

 

6. Cosa è possibile fare per modificare un atteggiamento

Se siete giunti a questo punto allora sicuramente conoscete molto bene voi stessi ma questo no vi basta per cambiare atteggiamento, allora sarà necessario ricreare piccole scene a livello mentale nelle quali vi manifestate in modo spregiudicato.

Pianificate dei piccoli passi verso situazioni che sapete dover affrontare veramente in futuro. Pensate a come vi siete comportati in passato e a come vi comportereste ora se vi toccasse di rivivere nuovamente la stessa esperienza.

Si tratta di fare piccoli passi in modo cosciente: il cambiamento è necessario ma non possiamo sperare che avvenga da un giorno all’altro. L’atteggiamento che abbiamo si è andato formando in un lungo periodo di tempo, e per modificarlo c’è bisogno di una buona dose di pazienza, perseveranza e disponibilità da pare nostra al cambiamento.

Leave your thought